Le 4 qualità dei semi di canapa che li rendono così salutari

semi di canapa

Per compensare i lati negativi dello stile di vita della società moderna, i prodotti e le abitudini alimentari salutari sono tra le tendenze più forti verso cui le persone stanno rivolgendo la loro attenzione. Giustamente.

Uno degli effetti collaterali di questo fenomeno è stato il crescente uso improprio nel marketing del termine “Super Food”, finendo per essere usato per tutto ciò che aveva un po’ di vitamine e proteine, solo per ottenere ulteriori clic e acquisti. Eppure è un termine che non dovrebbe venire così svalutato: ci sono una manciata di alimenti che potrebbero meritare di essere definiti come tali e che dovrebbero essere presenti nella dieta della maggior parte delle persone.

I semi di canapa meritano sicuramente di far parte della lista di questa élite di super alimenti e per evitare ogni tipo di dubbio, ecco un elenco di 4 qualità che hanno e i benefici che portano.

1) Minerali e vitamine

Varie vitamine e minerali combinati insieme sono essenziali per uno stile di vita sano perché svolgono letteralmente centinaia di ruoli. Ci aiutano a convertire il cibo in sostanze nutritive, riparare i danni cellulari, guarire le ferite, rafforzare i denti e le ossa, migliorare il nostro sistema immunitario, mantenere la nostra vista nitida e l’elenco potrebbe continuare.

I semi di canapa contengono un prezioso elenco di vitamine e minerali, rendendoli un grande contributo per raggiungere il Fabbisogno Quotidiano (FQ) consigliato (definito come percentuale per 100 g di porzione), se non addirittura coprirlo completamente.

Vitamine:
– Tiamina/B1 (111% del FQ)
– Riboflavina/B2 (24% del FQ)
– Niacina/B3 (61% del FQ)
– Vitamina B6 (46% del FQ)
– Acido Folico/B9 (28% del FQ)
– Vitamina E (5% del FQ)
– Vitamina C (1% del FQ)

Minerali:
– Calcio (7% del FQ)
– Rame (80% del FQ)
– Ferro (61% del FQ)
– Magnesio (197% del FQ)
– Manganese (362% del FQ)
– Fosforo (236% del FQ)
– Potassio (26% del FQ)
– Zinco (104% del FQ)

Con una lista così importante, non deve sorprendere che i semi di canapa possano contribuire alla salute del nostro corpo.
Ma c’è di più!

2) Fibre

Le fibre sono un componente degli alimenti di origine vegetale che non viene completamente scomposto dai nostri enzimi digestivi. Possono svolgere un ruolo di vitale importanza in quanto possono cambiare la “natura” del tratto gastrointestinale, modificando allo stesso tempo il modo in cui gli altri nutrimenti e sostanze chimiche vengono assorbiti dal nostro corpo.

Il termine “vitale” non è stato usato a caso, come dimostra l’elenco delle funzioni stabilizzanti e dei benefici che hanno sul nostro corpo:
– Equilibra il PH intestinale
– Abbassa il colesterolo e il colesterolo LDL
– Aumenta l’efficienza del colon
– Favorisce la funzionalità del tratto gastrointestinale superiore
– Favorisce la salute generale dell’intestino
– Stabilizza i livelli di zucchero nel sangue
– Aiuta con la gestione del peso
– Riduce l’appetito

È nel sottile guscio che circonda i semi di canapa che si trovano la maggior parte delle fibre, quindi acquistare semi di canapa non decorticati (col guscio) è la scelta più adatta per quanto riguarda il contenuto di fibre.

Detto questo, i semi di canapa decorticati hanno comunque una media di 4g di fibre in una porzione da 100g, che risulta il 16% del Fabbisogno Quotidiano di 25g.

3) Proteine

Le proteine sono fondamentali per la crescita e lo sviluppo delle cellule, ma il nostro corpo non è in grado di generarle da solo, pertanto è necessario utilizzare l’alimentazione per ottenerle.

Il prossimo paragrafo è fondamentale per capire bene questa incredibile qualità dei semi di canapa.

Noi non assorbiamo proteine semplicemente “mangiandole”. I nostri corpi prima scompongono le proteine dal cibo e quindi usano gli aminoacidi per incatenarle insieme, generando nuove proteine. Dei 20 tipi di amminoacidi, 9 di questi possono essere ottenuti solo attraverso l’alimentazione, motivo per cui sono chiamati amminoacidi “essenziali”. Quando tutti e 9 gli aminoacidi essenziali sono presenti all’interno di una proteina, quella proteina può essere definita completa. Quando manca anche solo uno degli aminoacidi essenziali, quella proteina è chiamata incompleta.

I semi di canapa contengono 18 dei 20 aminoacidi, ma più importante, contengono tutti e 9 quelli essenziali!

Questo non è qualcosa di speciale se si considerano i prodotti di origine animale, tuttavia quando si tratta di alimenti a base di piante in realtà pochissimi hanno tutti e 9 gli aminoacidi essenziali e possono quindi generare proteine complete. Così pochi infatti che puoi letteralmente contarli con una mano, il che rende i semi di canapa molto speciali e incredibilmente importanti per le persone che stanno riducendo o eliminando carne e latticini.

100g di semi di canapa non decorticati contengono circa 31,5g di proteine, che rappresenta un notevole 64% dei 50g FQ suggeriti.

4) Grassi insaturi

I grassi insaturi sono un altro elemento essenziale che gli esseri umani possono ottenere solo attraverso l’alimentazione.

I grassi insaturi sono una componente fondamentale delle membrane cellulari e per il loro corretto funzionamento è necessario che ne contengano un mix omogeneo. È questo il motivo per cui un’eccessiva presenza di grassi saturi, o di insaturi di un solo tipo, può causare problemi di salute a lungo termine, a partire dal più comune aumento dei casi di infiammazione.

La differenza tra grassi saturi e insaturi è che questi ultimi “hanno spazio” per l’idrogeno nella loro composizione molecolare, il che li rende sostanzialmente meno calorici, ma soprattutto più reattivi.

Questo è il motivo per cui i grassi saturi sono così tanto presenti nella dieta moderna, dato che consentono al cibo (trasformato) di mantenere le sue qualità per periodi più lunghi e attraverso temperature più elevate.

Per questo stesso motivo i grassi insaturi sono stati ampiamente rimossi dalla maggior parte dei cibi che mangiamo e anche quando sono presenti, esiste spesso un tipo predominante. Ciò significa che la ricerca di fonti alimentari naturali che ci consentano di ottenerle in modo uniforme deve essere fatta in maniera consapevole e regolarmente.

Un tipo di grasso insaturo che è più difficile da trovare e che spesso manca nella dieta della maggior parte delle persone è l’Omega-3, ALA (acido α-linolenico). Questo tipo di grasso insaturo si trova più comunemente negli oli o nei semi di piante, la maggior parte dei quali tuttavia ha trovato un uso commerciale limitato, pertanto la canapa si distingue come una delle fonti più facilmente disponibili di ALA.

Altri grassi molto importanti che si trovano nei semi di canapa sono gli acidi grassi Omega-6, il più utile di tutti è il GLA (acido gamma linolenico). Questo particolare acido grasso è stato collegato a numerosi benefici per la salute grazie alle sue abilità anti-infiammatorie.

Una porzione da 100g di semi di canapa conterrà circa il 43% di grassi insaturi, di cui circa 10g sarebbero Omega-3 e quasi 30g sarebbero Omega-6.

Con un Fabbisogno Quotidiano di 65g di grassi (in generale) suggerito dalla FDA, i semi di canapa possono sicuramente essere un ingrediente importante da considerare nei nostri pasti quotidiani.

In conclusione:

Con tutte le proprietà che abbiamo appena visto, diventa facile capire perché i semi di canapa possono essere una solida base per una dieta sana.

Vitamine, minerali, fibre, proteine complete e grassi insaturi, tutto in un solo seme.

I benefici medici che hanno ricevuto finora una conferma scientifica vanno da una migliore digestione, riduzione del rischio di malattie cardiovascolari (1,2,3), riduzione delle infiammazioni, miglioramento delle condizioni della pelle e, soprattutto, nelle donne una riduzione dei sintomi della sindrome premestruale o della menopausa.

Possono essere consumati crudi, arrostiti, cotti, tostati o non. La scelta è tua.
In ogni caso, è una scelta salutare.

alimentari, salute, semi

Pagamento sicuro con carta di credito, bonifico bancario o PayPal.

ethereumbitcoinlitecoinbitcoincash