Carta dagli alberi vs. carta dalla canapa. Qual è la migliore per il nostro futuro?

Come la carta di canapa può salvare l'ambiente

La carta è stata una delle merci più importanti dal XIX secolo. Ed è comprensibile dal momento che la stampa è stata fondamentale per i sistemi scolastici pubblici, la standardizzazione del lavoro, la comunicazione, notizie e molto altro ancora. Dobbiamo molto alla carta.

Per questi motivi il consumo di carta è quadruplicato negli ultimi 50 anni, rappresentando ora il 2% del commercio globale e superando oltre 400 milioni di tonnellate consumate in tutto il mondo ogni anno. Più della metà di questo consumo si verifica in Cina, negli Stati Uniti e in Giappone, con un ulteriore quarto in Europa. Solo per un confronto, l’intero continente africano rappresenta solo il 2% dell’uso globale di carta. La media globale è di 55 kg per persona all’anno, mentre a livello nazionale il consumo di persone nel Nord America è il più alto, 215 kg/persona (il quadruplo), seguito da Oceania ed Europa che si attestano entrambi a circa 150 kg/persona.

Con l’avanzamento della tecnologia, la necessità della carta per scopi di lettura e scrittura sta lentamente diminuendo, tuttavia la carta utilizzata per l’imballaggio rappresenta ora oltre il 50% del consumo globale ed è in aumento insieme al consumo di prodotti in carta.

Per produrre 1 tonnellata di carta abbiamo bisogno in media di 17 alberi, che richiedono almeno 20-25 anni per crescere prima di poter essere utilizzati per la produzione di carta. Ciò ha messo a dura prova le foreste del mondo. Ogni anno perdiamo circa il 7,2% di IFL (Intact Forest Landscapes), principalmente per la raccolta di legname che ne rappresenta circa il 37%. La raccolta del legname ovviamente è l’inizio del processo di fabbricazione della carta.

Se consideriamo anche l’inquinamento generato dalle cartiere durante la produzione, ovvero l’energia richiesta e le sostanze chimiche utilizzate, diventa chiaro che bisogna fare qualcosa per contenere l’impatto che questo settore sta avendo sui nostri ecosistemi.

Riciclare la carta che è già stata prodotta è certamente un passo importante, ma non tutte le forme di carta possono essere riciclate e anche la migliore carta (a fini di riciclaggio) prodotta dagli alberi può superare solo 3 processi di riciclaggio.

La verità è che abbiamo bisogno di una nuova materia prima per produrre la nostra carta. Una che metta meno alla prova il nostro pianeta e le risorse limitate che già sfruttiamo ben oltre un limite sostenibile.

È tempo di parlare della canapa!

Per la nostra generazione la canapa potrebbe sembrare un’alternativa, ma in realtà era la risorsa principale per la produzione di carta da quando è stata inventata in Cina nel 100 a.C., usando una miscela di stracci di canapa, corteccia di gelso e acqua.

La carta di canapa insieme a molti altri prodotti derivati ​​dalla canapa si fece strada in tutto il mondo nei secoli seguenti, diventando una delle risorse più importanti in tutto il mondo. Purtroppo tutto è cambiato negli anni ’30, quando varie industrie hanno fatto pressioni contro la canapa e l’hanno trasformata in un raccolto illegale.

Da allora, la maggior parte delle industrie ha investito in infrastrutture progettate per produrre pasta e carta dagli alberi, ma in realtà la canapa è una pianta molto più adatta per la produzione di carta per diversi motivi.

In primo luogo, il contenuto di cellulosa costituisce il 70% di una pianta di canapa, anziché il 30% nel caso degli alberi. Poiché la produzione di carta richiede solo l’uso di cellulosa, il resto deve essere rimosso utilizzando sostanze chimiche tossiche. È facile vedere come dover rimuovere solo il 30% della massa totale, anziché il 70%, possa essere di grande aiuto nel ridurre l’uso di questi prodotti chimici tossici.

Anche la lignina deve essere rimossa dalla polpa durante la produzione di carta. La polpa di canapa contiene solo tra il 5-24% di lignina, mentre la polpa degli alberi ne contiene il 20-35%, il che significa che in questa parte del processo produttivo sarebbero necessari meno lavoro ed energia.

Come accennato in precedenza, gli alberi hanno bisogno di almeno 20-25 anni per crescere prima di poter essere utilizzati per la produzione di carta. Le piante di canapa invece richiedono solo un massimo di 4 mesi prima che gli steli possano essere utilizzati per la produzione di carta. Ciò significa che in un ciclo di 20 anni, 1 acro di piante di canapa può produrre l’equivalente di 4-10 acri di alberi!

Ciò significherebbe un’enorme riduzione dell’uso del suolo da parte di questa industria, ma soprattutto una massiccia riduzione della deforestazione. Sono sicuro che non abbiamo bisogno di ricordarti che la deforestazione è una delle cause primarie del cambiamento climatico e dell’estinzione delle specie.

In quest’ottica, la carta di canapa può sopportare in media 7 processi di riciclaggio, che è più del doppio rispetto alla migliore carta proveniente dalla polpa degli alberi. Ciò ridurrebbe ulteriormente i terreni necessari per sostenere la domanda globale di carta.

Infine, per rendere bianca la carta dell’albero, i mulini usano candeggina e cloruro, entrambi inquinanti terribili. Per rendere invece bianca la carta di canapa, viene utilizzato il perossido di idrogeno, che spesso viene anche utilizzato per rimuovere effettivamente gli inquinanti dalle acque reflue. Questo crea un enorme differenza tra l’inquinamento totale generato dai due processi produttivi.

Deforestation

Perché non stiamo passando alla carta di canapa?

L’intero modello di business dell’industria cartaria e la sua infrastruttura sono state create per l’uso della pasta di legno da quasi un secolo ormai, quindi ci sono molti attori con grandi investimenti che fanno tutti affidamento sulla catena di approvvigionamento della carta prodotta dagli alberi. I numeri citati all’inizio di questo articolo ne sono la prova.

Come con qualsiasi altra grande industria, ci vorrà del tempo prima che tutto cambi per accogliere un nuovo modello di business più sostenibile. Più grande è la nave, più tempo ci vuole per girarla.

La più grande speranza sta nel fatto che negli ultimi anni la canapa e i suoi sottoprodotti sono stati nuovamente legalizzati in molti paesi, lasciando il posto a un aumento della domanda e dell’offerta. Questo a sua volta sta rendendo la canapa più disponibile e abbassando il suo prezzo, rendendola gradualmente una soluzione praticabile in sempre più settori.

Un altro segnale incoraggiante viene da alcune aziende che sperimentano la produzione di carta con il prodotto di scarto delle aziende di canapa più redditizie. In questo momento sono quelli correlati al CBD, come oli, farmaci e integratori. Ciò significa che un giorno, si spera, l’imballaggio del tuo olio di CBD sarà effettivamente realizzato con il suo prodotto di scarto.

La canapa è già una delle colture più versatili conosciute dall’uomo, dato che letteralmente ogni parte della pianta di canapa può essere utilizzata per produrre qualcosa, ma trovare il modo di produrre carta dal prodotto di scarto probabilmente renderebbe la canapa anche il raccolto più redditizio.

Ora sta a noi!

È vero che se ci impegniamo per un futuro sostenibile, la scelta migliore tra l’uso di un sacchetto di plastica o un sacchetto di carta non è in realtà nessuno dei due. Ma alcune parti della nostra vita richiedono carta (e probabilmente lo faranno sempre).

Che si tratti di imballaggi o di soffiare il naso, la carta è ancora l’opzione migliore, motivo per cui è una delle materie prime più importanti anche nel XXI secolo.

Ciò significa che trovare una soluzione più sostenibile per la sua domanda è una questione importante e la parte migliore è che non abbiamo bisogno di “reinventare la ruota”. Dobbiamo solo riscoprirla in effetti!

Siamo tutti consumatori di carta. La carta di canapa è ancora difficile da trovare, quindi spetta a noi richiederla. Siate coscienti e coscienziosi nelle vostre scelte. Sosteniamo l’industria della canapa, in modo che anche quando usiamo la carta ci siano più possibilità che sia prodotta dalla canapa!

 

References:
1) The state of the global paper industry 2018 – Environmental Paper Network:
https://environmentalpaper.org/wp-content/uploads/2018/04/StateOfTheGlobalPaperIndustry2018_FullReport-Final-1.pdf

2) Forest and Paper Industry – Dartmouth.edu : https://www.dartmouth.edu/~cushman/courses/engs171/Paper.pdf

3) de Meijer, E.P.M ; Hemp as a Pulp Source, publ. in Hemp Today, Ed Rosenthal, editor (1994)

4) https://en.wikipedia.org/wiki/History_of_paper

5) Hemp or Wood: Potential Substitutes, Journal of the Industrial Hemp Association, Vol. 1, No. 1. (June 1994)

6) Keeping the Trees in the Forest: Industrial Hemp as a Paper Alternative, Vote Hemp Report (2002-2003) – Monette & Leson

ambiente, canapa, carta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagamento sicuro con carta di credito, bonifico bancario o PayPal.

ethereumbitcoinlitecoinbitcoincash