Canapa, l’ambiente e la sostenibilità: Parte 2

Nell’articolo precedente abbiamo visto le varie applicazioni della canapa e come la si possa trasformare in una varietà di materiali leggeri, duraturi, biodegradabili e non tossici. Essenzialmente abbiamo descritto come la canapa può sostituire le sue controparti meno desiderabili, dando la possibilità agli esseri umani di lasciare un’impronta ambientale sostenibile per questo fantastico pianeta.

Nella seconda parte vedremo come la canapa ha il potenziale di salvare il pianeta (e le future generazioni) elencando i benefici che risultano dagli utilizzi di questa pianta nell’agricoltura in confronto alle altre, insieme alle conseguenze sull’ambiente e la sostenibilità futura.

Perché la canapa è meglio

1. Ripara il terreno

La canapa industriale è resistente e cresce velocemente, essendo pronta al raccolto solo 100/120 giorni dopo la piantagione. Inoltre, è utilissima come coltivazione rigenerante e/o da rotazione, restituendo al terreno 60/70% dei nutrienti che usa, dando a terreni abusati da troppa coltivazione la possibilità di rigenerarsi.

2. Bonifica scarti tossici e radioattivi

La canapa industriale è un bioaccumulatore, il che significa che può estrarre metalli pesanti e altre tossine dal terreno tramite un processo chiamato fitodepurazione. E’ così efficace che gli scienziati la hanno usata per rimuovere il piombo, l’uranio, cesio 137 e lo stronzio 90 che contaminavano la zona circostante il disastro di Chernobyl. Difatti più recentemente si sta valutando di piantare la canapa nei dintorni del sito nucleare di Fukushima in Giappone, per cercare di ripulire la zone e renderla nuovamente abitabile per umani e animali.

3. Cresce senza pesticidi o erbicidi

Siccome la canapa è una pianta alta che può raggiungere anche i 4,5 metri di altezza e avendo anche foglie larghe, ha la capacità naturale di bloccare la luce per le erbacce. Senza luce le erbacce non possono crescere, togliendo la necessità di usare erbicidi. Inoltre, la canapa è un repellente naturale di insetti e altri parassiti, rendendola ideale come coltivazione organica. Per questo, quasi tutte le piantagioni di canapa sono organiche e molti agricoltori la sfruttano per la fitodepurazione, rigenerando i terreni grazie alla rotazione con altre piantagioni.

4. È CO2 negativa

Potrebbe sembrare esagerato ma la canapa potrebbe letteralmente fermare il riscaldamento globale grazie alla sua capacità di rimuovere CO2 dall’atmosfera e depositarla nel terreno. La canapa inizia a sequestrare CO2 dal momento che è piantata, con un tasso di sequestro (termine scientifico) di 1,5 unità sequestrate per unità prodotte. Questo significa che per ogni tonnellata di fibra di canapa raccolta, 1,62 tonnellate di CO2 vengono eliminate.

Paragoniamo

Paragnoata ad altre coltivazioni come il legno e il cotone, la canapa ha un periodo di crescita più breve, necessità meno acqua, spazio, terreno, ha contenuti di fibre più elevati e richiede molta meno mano d’opera durante il raccolto. Questo significa meno macchinari, strumenti ed energia, eliminando la necessità di bonificare terreni e sfruttando metodi di agricoltura più puliti, contemporaneamente avendo una varietà di applicazioni che variano dalla carta ai tessuti.

Consideriamo anche il fatto che la canapa potrebbe sostituire molti dei materiali che attualmente necessitano petrolio, combustibili e chimici tossici per essere prodotti, senza dimenticare che può ripulire l’inquinamento causato da quegli stessi processi, rendendo palese il fatto che la canapa sia la coltivazione del futuro.

Alla fine di tutto, la domanda genere l’offerta. Se più persone danno il loro supporto ai prodotti provenienti dalla canapa, l’industria e i governi saranno costretti a spostare le loro risorse da pratiche distruttive a pratiche sostenibili includendo prodotti e processi basati sulla canapa.

Perché non iniziare a fare la differenza dando il supporto ad aziende sostenibili che lavorano la canapa, votando con i nostri euro e comprando prodotti provenienti da risorse di canapa sostenibili?

ambiente, canapa, industria, sostenibilità

Pagamento sicuro con carta di credito, bonifico bancario o PayPal.

ethereumbitcoinlitecoinbitcoincash